Vittorio Alberto Dublino su Gorbaciov

https://rumble.com/v1ivog8-vittorio-dublino.html

Presentazione di Neritox. Vittorio Dublino è uno scienziato verificabile e un provocatore del pensare negli esseri umani (un po’ come Cattelan nell’arte, cfr. “La MACCHINA MAIEUTICA. Commento Il DECIMO UOMO per contrastare il PENSIERO DI GRUPPO“). Leggete le sue opere. Quando nel 1989 si parlava di Gorbaciov, ed a Milano, dove abitavo, mi accorgevo che neanche il crollo del muro di Berlino faceva svegliare il popolo bue: Gorbaciov era usato per parare il culo dei legionari di allora. Quindi me ne ritornai al paese (Castell’Arquato) perché vedevo che la mafia aveva già invaso tutto il pianeta (non che Castell’Arquato fosse un modello: era ed è un paese mafioso come tutti gli altri; volevo semplicemente fermarmi, cambiare ogni mio gioco, visto che perfino la sedicente società antroposofica milanese mi aveva deluso). Nella seguente opera di Vittorio Dublino troverete scientificamente il contenuto della mia veggenza semplicemente poggiante su buon senso, dato che in Italia il web non era sviluppato come oggi. Una cosa era comunque certa in me: la Perestrojka non era altro il continuo della solita Katastrojka che dura dai tempi di Hmmurabi.. Buona lettura.

Neritox, 6 settembre, 2022

Gorbaciov un grande statista
ma anche il più grande truffato dalla Storia

Articolo di Vittorio Dublino

(https://vittoriodublinoblog.org/2022/09/01/gorbaciov-un-grande-statista-il-piu-grandemente-truffato-dalla-storia/)

Muore all’età di 91 anni Mikhail Gorbachev.

Tutti lo ricordano oggi come un grande statista, ma la Storia probabilmente lo ricorderà come uno dei grandi statisti più truffati dalla Storia.

Ma anche come quello che ebbe prima ad avvertire l’occidente che Crimea ed Ucraina sarebbero state due questioni chiave per la Russia, e poi a predire il dramma che stiamo vivendo oggi, dopo 30 anni, con il conflitto Russo-Ucraino.

Perché … ?

I documenti desecretati pubblicati dal National Security Archive presso la George Washington University lo dimostrano chiaramente!

“Non sopravviveremo se qualcuno perde i nervi nell’attua/e tensione”; il Word Summit per i premiati Nobel ci ricorda che in una intervista al settimanale tedesco Der Spiegel nel 2015 l’ex leader sovietico affermò con questa frase: “che la crisi in Ucraina potrebbe portare a una guerra su larga scala in Europa o addirittura a una guerra nucleare.” Il premio Nobel per la pace denunciò che la “perdita di fiducia” tra la Russia e l’Occidente è un fatto “catastrofico”, affermando che i legami devono essere “scongelati”. Ma è evidente che dopo essere stato truffato dai Governi di numerose nazioni che si sono succeduti, nei trent’anni dopo il dissolvimento dell’URSS, è rimasto ovviamente inascoltato.

Leggendo questi passi di Storia si evince chiaramente come Gorbaciov ed alti dirigenti sovietici aspirassero ad una Unione Sovietica (non ancora federazione Russa) parte integrante di una Europa Unita dopo l’unificazione della Germania, arrivando quasi ad immaginare un sistema di sicurezza dallo “Atlantico agli Urali”. Tuttavia Gorbaciov, in una conversazione con Mitterand, dichiara di non fidarsi completamente degli americani temendo che questi in un futuro avrebbero usato la NATO per i loro obiettivi di controllo globale.

Qui sotto la traduzione integrale di un articolo pubblicato dalla George Washington University] USA che riporta rivelazioni per documenti desecretati dei primi anni ’90 del secolo scorso: …

La famosa assicurazione “non un pollice verso est” del Segretario di Stato americano James Baker sull’espansione della NATO nel suo incontro con il leader sovietico Mikhail Gorbachev il 9 febbraio 1990, faceva parte di una cascata di assicurazioni sulla sicurezza sovietica fornite dai leader occidentali a Gorbaciov e ad altri funzionari sovietici durante il processo di unificazione tedesca nel 1990 e nel 1991, secondo i documenti declassificati statunitensi, sovietici, tedeschi, britannici e francesi pubblicati dal National Security Archive.

I documenti mostrano come diversi leader nazionali stavano prendendo in considerazione di rifiutare l’adesione dell’Europa centrale ed orientale alla NATO dall’inizio del 1990 e fino al 1991, che le discussioni sulla NATO nel contesto dei negoziati di unificazione tedesca nel 1990 non erano affatto limitate allo status di Est del territorio tedesco e che le successive lamentele sovietiche e (poi) russe di essere stati fuorviati sull’espansione della NATO erano fondate su memcon e te/con scritti contemporaneamente ai più alti livelli.

I documenti rafforzano la critica dell’ex direttore della CIA Robert Gates di “andare avanti con l’espansione della NATO verso est [negli anni ’90], quando Gorbaciov e altri furono indotti a credere che ciò non sarebbe accaduto”. [1] La frase chiave, rafforzata dai documenti, è “portata a credere”.

Il presidente George HW Bush aveva assicurato a Gorbaciov durante il vertice di Malta del dicembre 1989 che gli Stati Uniti non avrebbero approfittato (“non ho saltato su e giù sul muro di Berlino”) delle rivoluzioni nell’Europa orientale per danneggiare gli interessi sovietici; ma né Bush né Gorbaciov a quel punto (o del resto, il cancelliere della Germania occidentale Helmut Kohl) si aspettavano così presto il crollo della Germania orientale o la velocità dell’unificazione tedesca. [2]

Le prime assicurazioni concrete da parte dei leader occidentali sulla NATO sono iniziate il 31 gennaio 1990, quando il ministro degli Esteri della Germania occidentale Hans-Dietrich Genscher ha aperto la gara con un importante discorso pubblico a Tutzing, in Baviera, sull’unificazione tedesca. L’Ambasciata degli Stati Uniti a Bonn (vedi Documento 1) informò Washington che Genscher ebbe a chiarire “che i cambiamenti nell’Europa orientale e il processo di unificazione tedesca non devono portare a una ‘lesione degli interessi di sicurezza sovietici’. Pertanto, la NATO dovrebbe escludere una ‘espansione del suo territorio verso est, cioè spostandolo più vicino ai confini sovietici”.

Il cablogramma di Bonn rilevava anche la proposta di Genscher di lasciare il territorio della Germania orientale fuori dalle strutture militari della NATO anche in una Germania unificata nella NATO. [3] Quest’ultima idea di statuto speciale per il territorio della RFD è stata codificata nel trattato finale di unificazione tedesca firmato il 12 settembre 1990 dai ministri degli Esteri Due più quattro (vedi Documento 25). La prima idea di “più vicino ai confini sovietici” non è scritta nei trattati, ma in molteplici memorandum di conversazione tra i sovietici e gli interlocutori occidentali di più alto livello (Genscher, Kohl, Baker, Gates, Bush, Mitterrand, Thatcher, Major, Woerner e altri) offrendo assicurazioni per tutto il 1990 e fino al 1991 sulla protezione degli interessi di sicurezza sovietici e sull’inclusione dell’URSS nelle nuove strutture di sicurezza europee. I due problemi erano correlati ma non uguali. L’analisi successiva a volte confondeva i due (concetti) e sosteneva che la discussione non coinvolgeva tutta l’Europa. I documenti pubblicati di seguito mostrano chiaramente che è stato così.

La “formula Tutzing” divenne immediatamente il centro di una raffica di importanti discussioni diplomatiche nei successivi 10 giorni nel 1990, che portarono al cruciale incontro del 10 febbraio 1990 a Mosca tra Kohl e Gorbaciov quando il leader della Germania occidentale ottenne in linea di principio l’assenso sovietico all’unificazione tedesca nella NATO, fintanto che la NATO non si espandesse a est. I sovietici avrebbero bisogno di molto più tempo per lavorare con la loro opinione interna (e con l’aiuto finanziario della Germania occidentale) prima di firmare formalmente l’accordo nel settembre 1990.

Le conversazioni prima dell’assicurazione di Kohl hanno comportato una discussione esplicita sull’espansione della NATO, sui paesi dell’Europa centrale e orientale e su come convincere i sovietici ad accettare l’unificazione. Ad esempio, il 6 febbraio 1990, quando Genscher incontrò il ministro degli Esteri britannico Douglas Hurd, la registrazione britannica mostrava che Genscher diceva: ” russi devono avere una certa certezza che se, ad esempio, il governo polacco un giorno avesse lasciato il Patto di Varsavia, non entrerebbe a far parte conseguentemente della NATO”. (Vedi documento 2)

Dopo aver incontrato Genscher mentre si avviava a discussioni con i sovietici, Baker ripeté esattamente la formulazione di Genscher nel suo incontro con il ministro degli Esteri Eduard Shevardnadze il 9 febbraio 1990 (vedi documento 4); e, cosa ancora più importante, faccia a faccia con Gorbaciov.

Non una, ma tre volte, Baker acclamò la formula “non un pollice verso est” con Gorbaciov nell’incontro del 9 febbraio 1990. Era d’accordo con la dichiarazione di Gorbaciov in risposta alle assicurazioni che “l’espansione della NATO è inaccettabile”. Baker assicurò Gorbaciov che “né il Presidente né io intendiamo trarre vantaggi unilaterali dai processi in corso” e che gli americani hanno capito che “non solo per l’Unione Sovietica, ma anche per altri paesi europei è importante avere garanzie che se gli Stati Uniti manterranno la loro presenza in Germania nel quadro della NATO, nemmeno un centimetro dell’attuale giurisdizione militare della NATO si estenderà in direzione orientale”. (Vedi documento 6)

In seguito, Baker scrisse a Helmut Kohl che si sarebbe incontrato con il leader sovietico il giorno successivo, con la maggior parte degli stessi accordi. Baker riferì: ” … E poi gli ho posto la seguente domanda [a Gorbaciov]. Preferiresti vedere una Germania unita al di fuori della NATO, indipendente e senza forze statunitensi o preferiresti una Germania unificata legata alla NATO, con l’assicurazione che la giurisdizione della NATO non si sposterebbe di un pollice verso est dalla sua posizione attuale?” (Gorbaciov) rispose che la leadership sovietica stava seriamente pensando a tutte queste opzioni [ …. ] Poi aggiunse: ‘Certamente qualsiasi estensione della zona della NATO sarebbe inaccettabile.” Baker aggiunse tra parentesi, a beneficio di Kohl, “Implicitamente, La NATO nella sua zona attuale potrebbe essere accettabile”. (Vedi documento 8)

Ben informato dal segretario di stato americano, il cancelliere della Germania occidentale capì la linea di fondo fondamentale per i sovietici e assicurò a Gorbaciov il 10 febbraio 1990: “Riteniamo che la NATO non dovrebbe espandere la sfera della sua attività”. (Vedi documento 9) Dopo questo incontro, Kohl riuscì a stento a contenere la sua eccitazione per l’accordo di principio di Gorbaciov per l’unificazione tedesca e, come parte della formula di Helsinki che gli stati scelgono le proprie alleanze, la Germania potrebbe scegliere la NATO. Kohl descrisse nelle sue memorie di aver camminato tutta la notte per Mosca, ma continuando a capire che c’era ancora un prezzo da pagare.

Tutti i ministri degli esteri occidentali erano a bordo con Genscher, Kohl e Baker. Poi venne il ministro degli Esteri britannico, Douglas Hurd, 1’11 aprile 1990. A questo punto, i tedeschi dell’Est avevano votato a stragrande maggioranza per il marco tedesco e per una rapida unificazione, alle elezioni del 18 marzo in cui Kohl aveva sorpreso quasi tutti gli osservatori con un vero vittoria. L’analisi di Kohl (spiegata per la prima volta a Bush il 3 dicembre 1989) che il crollo della DDR avrebbe aperto tutte le possibilità, che doveva correre per arrivare alla testa del treno, che aveva bisogno del sostegno degli Stati Uniti, che l’unificazione poteva avvenire più velocemente di quanto si pensasse possibile – tutto si è rivelato corretto. L’unione monetaria sarebbe proseguita già a luglio e le assicurazioni sulla sicurezza continuavano ad arrivare. Hurd ha rafforzato il messaggio Baker-Genscher-Kohl nel suo incontro con Gorbaciov a Mosca, 1’11 aprile 1990, dicendo che la Gran Bretagna chiaramente “riconosceva l’importanza di non fare nulla per pregiudicare gli interessi e la dignità sovietici”. (Vedi documento 15)

La conversazione di Baker con Shevardnadze il 4 maggio 1990, come la descrisse Baker nel suo stesso rapporto al presidente Bush, descrisse in modo molto eloquente ciò che i leader occidentali stavano dicendo a Gorbaciov esattamente in quel momento: “Ho usato il tuo discorso e il nostro riconoscimento della necessità di adattarsi NATO, politicamente e militarmente, e di sviluppare la CSCE per rassicurare Shevardnadze che il processo non avrebbe prodotto vincitori e vinti. Invece, produrrebbe una nuova struttura europea legittima, inclusiva, non esclusiva”. (Vedi documento 17)

Baker lo disse ancora, direttamente a Gorbaciov il 18 maggio 1990 a Mosca, dando a Gorbaciov i suoi “nove punti”, che includevano la trasformazione della NATO, il rafforzamento delle strutture europee, il mantenimento della Germania non nucleare e la presa in considerazione degli interessi di sicurezza sovietici. Baker iniziò le sue osservazioni: “Prima di dire qualche parola sulla questione tedesca, volevo sottolineare che le nostre politiche non mirano a separare l’Europa orientale dall’Unione Sovietica. Avevamo quella politica prima. Ma oggi ci interessa costruire un’Europa stabile e farlo insieme a voi”. (Vedi documento 18)

Il leader francese Francois Mitterrand non era in un accordo mentale con gli americani, anzi, come dimostra il suo discorso a Gorbaciov a Mosca il 25 maggio 1990, che era “personalmente favorevole allo smantellamento graduale dei blocchi militari”; ma Mitterrand ha continuato la cascata di assicurazioni dicendo che l’Occidente deve “creare condizioni di sicurezza per te, così come la sicurezza europea nel suo insieme”. (Vedi documento 19) Mitterrand scrisse immediatamente a Bush in una lettera ” cher George ” sulla sua conversazione con il leader sovietico, che “non rifiuteremmo certamente di dettagliare le garanzie che avrebbe il diritto di aspettarsi per la sicurezza del suo Paese”. (Vedi documento 20)

Al vertice di Washington del 31 maggio 1990, Bush fece di tutto per assicurare a Gorbaciov che la Germania nella NATO non sarebbe mai stata diretta contro l’URSS: “Credimi, non stiamo spingendo la Germania verso l’unificazione, e non siamo noi a determinare il ritmo di questo processo. E, naturalmente, non abbiamo alcuna intenzione, nemmeno nei nostri pensieri, di danneggiare in alcun modo l’Unione Sovietica. Ecco perché parliamo a favore dell’unificazione tedesca nella NATO senza ignorare il più ampio contesto della CSCE, tenendo conto dei tradizionali legami economici tra i due stati tedeschi. Un tale modello, a nostro avviso, corrisponde anche agli interessi sovietici”. (Vedi documento 21)

La “Lady di ferro” Margaret Thatcher intervenne anche, dopo il vertice di Washington, nel suo incontro con Gorbaciov a Londra l’8 giugno 1990. La Thatcher anticipò le mosse che gli americani (con il suo sostegno) avrebbero compiuto alla conferenza NATO di inizio luglio per sostenere Gorbaciov con descrizioni della trasformazione della NATO verso un’alleanza più politica, meno minacciosa militarmente. Disse a Gorbaciov: “Dobbiamo trovare il modo di dare all’Unione Sovietica la fiducia che la sua sicurezza sarebbe stata assicurata … La CSCE potrebbe essere un ombrello per tutto questo, oltre ad essere il forum che ha portato l’Unione Sovietica a discutere pienamente del futuro dell’Europa”. (Vedi documento 22)

La Dichiarazione della NATO di Londra del 5 luglio 1990 ha avuto un effetto piuttosto positivo sulle deliberazioni a Mosca, secondo la maggior parte dei resoconti, fornendo a Gorbaciov munizioni significative per contrastare i suoi intransigenti al Congresso del Partito che si stava svolgendo in quel momento. Alcune versioni di questa storia affermano che una copia anticipata è stata fornita agli assistenti di Shevardnadze, mentre altre descrivono solo un avviso che ha permesso a quegli assistenti di prendere la copia del servizio telematico e produrre una valutazione positiva sovietica prima che i militari o gli intransigenti potessero chiamarla propaganda.

Come disse Kohl a Gorbaciov a Mosca il 15 luglio 1990, mentre elaboravano l’accordo finale sull’unificazione tedesca: “Sappiamo cosa attende la NATO in futuro e penso che ora lo sappiate anche voi”, riferendosi al Dichiarazione della NATO di Londra. (Vedi documento 23)

Nella sua telefonata a Gorbaciov il 17 luglio, Bush intendeva rafforzare il successo dei colloqui Kohl-Gorbaciov e il messaggio della Dichiarazione di Londra. Bush ha spiegato: “Quindi quello che abbiamo cercato di fare è stato tenere conto delle vostre preoccupazioni espresse a me e ad altri, e lo abbiamo fatto nei seguenti modi: con la nostra dichiarazione congiunta sulla non aggressione; nel nostro invito a venire alla NATO; nel nostro accordo di aprire la NATO a contatti diplomatici regolari con il vostro governo e quelli dei paesi dell’Europa orientale; e la nostra offerta sulle assicurazioni sulle dimensioni future delle forze armate di una Germania unita, una questione che so che lei ha discusso con Helmut Kohl. Abbiamo anche cambiato radicalmente il nostro approccio militare alle forze convenzionali e nucleari. Abbiamo trasmesso l’idea di una CSCE ampliata e più forte con nuove istituzioni in cui l’URSS può condividere ed essere parte della nuova Europa.”

I documenti mostrano che Gorbaciov ebbe ad accettare l’unificazione tedesca nella NATO come risultato di questa cascata di assicurazioni, e sulla base della sua stessa analisi che il futuro dell’Unione Sovietica dipendeva dalla sua integrazione in Europa, per la quale la Germania sarebbe l’attore decisivo. Lui e la maggior parte dei suoi alleati credevano che una qualche versione della casa comune europea fosse ancora possibile e si sarebbe sviluppata insieme alla trasformazione della NATO per portare a uno spazio europeo più inclusivo e integrato, che l’accordo post-Guerra Fredda avrebbe tenuto conto dell’evoluzione sovietica interessi di sicurezza. L’alleanza con la Germania non solo avrebbe superato la Guerra Fredda, ma avrebbe anche ribaltato l’eredità della Grande Guerra Patriottica.

Ma all’interno del governo degli Stati Uniti è proseguita una discussione diversa, un dibattito sui rapporti tra la NATO e l’Europa dell’Est. Le opinioni differivano, ma il suggerimento del Dipartimento della Difesa a partire dal 25 ottobre 1990 era di lasciare “la porta socchiusa” per l’adesione dell’Europa orientale alla NATO. (Vedi documento 27) L’opinione del Dipartimento di Stato era che l’espansione della NATO non fosse all’ordine del giorno, perché non era nell’interesse degli Stati Uniti organizzare “una coalizione antisovietica” che si estendesse ai confini sovietici, anche perché potrebbe invertire le tendenze positive nell’Unione Sovietica. (Vedi documento 26) L’amministrazione Bush ha adottato quest’ultimo punto di vista. Ed è quello che hanno sentito i sovietici.

Ancora nel marzo 1991, secondo il diario dell’ambasciatore britannico a Mosca, il primo ministro britannico John Major assicurò personalmente Gorbaciov: “Non stiamo parlando del rafforzamento della NATO”. Successivamente, quando il ministro della Difesa sovietico, il maresciallo Dmitri Yazov, ha chiesto a Major dell’interesse dei leader dell’Europa orientale nell’adesione alla NATO, il leader britannico ha risposto: “Non accadrà nulla del genere”. (Vedi documento 28)

Quando nel luglio 1991 i deputati del Soviet supremo russo vennero a Bruxelles per vedere la NATO e incontrarsi con il segretario generale della NATO Manfred Woerner, Woerner disse ai russi che “Non dovremmo permettere[ … } l’isolamento dell’URSS dalla comunità europea”. Secondo il memorandum di conversazione russo, “Woerner ha sottolineato che il Consiglio della NATO e lui sono contrari all’espansione della NATO (13 dei 16 membri della NATO supportano questo punto di vista).” (Vedi documento 30) Così, Gorbaciov andò fino alla fine dell’Unione Sovietica assicurando che l’Occidente non stava minacciando la sua sicurezza e non stava espandendo la NATO. Invece, la dissoluzione dell’URSS è stata provocata dai russi (Boris Eltsin e il suo principale consigliere Gennady Burbulis) di concerto con gli ex capi del partito delle repubbliche sovietiche, in particolare l’Ucraina, nel dicembre 1991. La Guerra Fredda era ormai finita da tempo. Gli americani avevano cercato di tenere unita l’Unione Sovietica (vedi il discorso di Bush “Chicken Kiev” del 1° agosto 1991). L’espansione della NATO sarebbe avvenuta anni nel futuro, quando queste controversie sarebbero scoppiate di nuovo e maggiori rassicurazioni sarebbero arrivate al leader russo Boris Eltsin.

L’Archivio ha compilato questi documenti declassificati per una tavola rotonda tenuta il 10 novembre 2017 alla conferenza annuale dell’Association for Slavic, East European and Eurasian Studies (ASEEES) a Chicago dal titolo “Who Promised What to Whom on NATO Expansion?”. II panel comprendeva:

* Mark Kramer del Davis Center di Harvard, editore del Journal of Cold War Studies , il cui articolo del Washington Quarterly del 2009 sosteneva che la “promessa di non allargamento della NATO” era un “mito”; [4]

* Joshua R. ltkowitz Shifrinson della Bush School della Texas A&M, il cui articolo del 2016 sulla sicurezza internazionale sosteneva che gli Stati Uniti stavano giocando un doppio gioco nel 1990, portando Gorbaciov a credere che la NATO sarebbe stata inclusa in una nuova struttura di sicurezza europea, mentre lavorava per garantire l’egemonia in Europa e il mantenimento della NATO; [5]

* James Goldgeier dell’Università americana, che ha scritto l’autorevole libro sulla decisione Clinton sull’espansione della NATO, Non se ma quando , e ha descritto le assicurazioni ingannevoli degli Stati Uniti al leader russo Boris Eltsin in un articolo di WarOnTheRocks del 2016 ; [6]

* Svetlana Savranskaya e Tom Blanton del National Security Archive, il cui libro più recente, The Last Superpower Summits: Gorbachev, Reagan, and Bush: Conversations That Ended the Cold War (CEU Press, 2016) analizza e pubblica le trascrizioni declassificate e i relativi documenti da tutti i vertici di Gorbaciov con i presidenti degli Stati Uniti, comprese dozzine di assicurazioni sulla protezione degli interessi di sicurezza dell’URSS. [7]

Questo post è il primo di due sull’argomento. La seconda parte riguarderà le discussioni di Eltsin con i leader occidentali sulla NATO.

LEGGI I DOCUMENTI

Documento 01

Cablogramma confidenziale dell’ambasciata americana di Bonn al Segretario di Stato sul discorso del ministro degli Esteri tedesco:

Genscher delinea la sua visione di una nuova architettura europea.

1° febbraio 1990

Fonte

U.S Dipartimento di Stato. Sala di lettura FOIA. Caso F-2015 10829

Uno dei miti sulle discussioni di gennaio e febbraio 1990 sull’unificazione tedesca è che questi colloqui siano avvenuti così presto nel processo, con il Patto di Varsavia ancora in vigore, che nessuno pensava alla possibilità che i paesi centrali ed europei, anche allora membri del Patto di Varsavia, potrebbero in futuro diventare membri della NATO. Al contrario, la formula Tutzing del ministro degli Esteri della Germania occidentale nel suo discorso del 31 gennaio 1990, ampiamente riportato dai media in Europa, Washington e Mosca, ha affrontato esplicitamente la possibilità di espansione della NATO, nonché l’adesione dell’Europa centrale e orientale a NATO – e ha negato tale possibilità, come parte della sua ghirlanda di ulivi verso Mosca. Questi Stati Uniti

Documento 02

Mr. Hurd a Sir C. Mallaby (Bonn). Telegrafico N. 85: Appello del Segretario di Stato a Herr Genscher: Unificazione tedesca.

6 febbraio 1990

Fonte

Documenti sulla politica britannica all’estero, serie lII, volume VII: Unificazione tedesca, 1989-1990. (Foreign and Commonwealth Office. Documents on British Policy Overseas, a cura di Patrick Salmon, Keith Hamilton e Stephen Twigge, Oxford e New York, Routledge 2010). pp. 261-264

Il successivo punto di vista del Dipartimento di Stato americano sui negoziati di unificazione tedesca, espresso in un cablogramma del 1996 inviato a tutti i posts, afferma erroneamente che l’intero negoziato sul futuro della Germania ha limitato la sua discussione sul futuro della NATO agli accordi specifici sul territorio del ex DDR. Forse i diplomatici americani hanno perso il primo dialogo tra inglesi e tedeschi su questo tema, anche se entrambi condividevano le loro opinioni con il segretario di stato americano. Come pubblicato nella storia documentaria ufficiale del 201 O del British Foreign and Commonwealth Office sul contributo del Regno Unito all’unificazione tedesca, questo memorandum della conversazione del ministro degli Esteri britannico Douglas Hurd con il ministro degli Esteri della Germania occidentale Genscher il 6 febbraio 1990, contiene alcune notevoli specificità sulla questione della futura adesione alla NATO per i centri dell’Europa centrale. Il memorandum britannico cita specificamente Genscher dicendo che “quando ha parlato di non voler estendere la NATO, ciò si applicava ad altri stati oltre alla DDR. I russi devono avere la certezza che se, ad esempio, il governo polacco un giorno lasciasse il Patto di Varsavia, non si unirebbe alla NATO il prossimo”. Genscher e Hurd stavano dicendo lo stesso alla loro controparte sovietica Eduard Shevardnadze ea James Baker.[8]

Documento 03

Memorandum di Paul H. Nitze a George HW Bush sull’incontro del “Forum for Germany” a Berlino.

6 febbraio 1990

Fonte

Biblioteca presidenziale George HW Bush

Questa breve nota al presidente Bush da parte di uno degli architetti della Guerra Fredda, Paul Nitze (con sede presso la sua omonima Scuola di studi internazionali della Johns Hopkins University), cattura il dibattito sul futuro della NATO all’inizio del 1990. Nitze riferisce che i leader dell’Europa centrale e orientale partecipando alla conferenza “Forum for Germany” a Berlino stavano sostenendo lo scioglimento di entrambi i blocchi delle superpotenze, la NATO e il Patto di Varsavia, fino a quando lui (e alcuni europei occidentali) ha ribaltato tale punto di vista e ha invece sottolineato l’importanza della NATO come base per stabilità e presenza USA in Europa.

Documento 04

Memorandum di conversazione tra James Baker e Eduard Shevardnadze a Mosca.

9 febbraio 1990

Fonte

Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, FOIA 199504567 (Raccolta dei punti di infiammabilità dell’archivio della sicurezza nazionale, riquadro 38).

Sebbene pesantemente redatta rispetto ai resoconti sovietici di queste conversazioni, la versione ufficiale del Dipartimento di Stato delle assicurazioni del segretario Baker al ministro degli Esteri sovietico Shevardnadze appena prima dell’incontro formale con Gorbaciov il 9 febbraio 1990, contiene una serie di frasi significative. Baker propone la formula Due più Quattro, con le due che sono le Germanie e le quattro le potenze occupanti del dopoguerra; si oppone ad altri modi per negoziare l’unificazione; e sostiene l’ancoraggio della Germania nella NATO. Inoltre, Baker dice al ministro degli Esteri sovietico: “Una Germania neutrale acquisirebbe senza dubbio una propria capacità nucleare indipendente. Tuttavia, una Germania che è saldamente ancorata a una NATO cambiata, con ciò intendo una NATO che è molto meno di un’organizzazione militare, molto più politica, non avrebbe bisogno di capacità indipendenti. Ovviamente, dovrebbero esserci garanzie ferree che la giurisdizione o le forze della NATO non si sposteranno verso est. E questo dovrebbe essere fatto in un modo che soddisfi i vicini della Germania a est”.

Documento 05

Memorandum di conversazione tra Mikhail Gorbachev e James Baker a Mosca.

9 febbraio 1990

Fonte

Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, FOIA 199504567 (Raccolta dei punti di infiammabilità dell’archivio della sicurezza nazionale, riquadro 38).

Anche con le redazioni (ingiustificate) da parte degli ufficiali di classificazione statunitensi, questa trascrizione americana della forse più famosa assicurazione statunitense ai sovietici sull’espansione della NATO conferma la trascrizione sovietica della stessa conversazione. Ripetendo quanto affermato da Bush al vertice di Malta del dicembre 1989, Baker dice a Gorbaciov: “Il Presidente ed io abbiamo chiarito che non cerchiamo alcun vantaggio unilatera/e in questo processo” dell’inevitabile unificazione tedesca. Baker continua dicendo: “Comprendiamo la necessità di assicurazioni ai paesi dell’est. Se manteniamo una presenza in una Germania che fa parte della NATO, non ci sarebbe alcuna estensione della giurisdizione della NATO per le forze della NATO un pollice a est”. Più avanti nella conversazione, Baker pone la stessa posizione di una domanda, “Preferiresti una Germania unita al di fuori della NATO che sia indipendente e non ha forze statunitensi o preferiresti una Germania unita con legami con la NATO e assicurazioni che non ci sarebbe alcuna estensione dell’attuale giurisdizione della NATO verso est?”. I declassificatori di questo memcon hanno effettivamente redatto la risposta di Gorbaciov secondo cui una tale espansione sarebbe effettivamente “inaccettabile” – ma la lettera di Baker a Kohl il giorno successivo, pubblicata nel 1998 dai tedeschi, riporta la citazione.

Documento 06

Registrazione della conversazione tra Mikhail Gorbaciov e James Baker a Mosca. (Estratti)

9 febbraio 1990

Fonte

Archivio Fondazione Gorbaciov, Fond 1, Opis 1.

Questo resoconto della Fondazione Gorbaciov dell’incontro del leader sovietico con James Baker il 9 febbraio 1990, è stato pubblico e disponibile per i ricercatori della Fondazione già nel 1996, ma non è stato pubblicato in inglese fino al 201 O, quando il volume Masterpieces of History di gli autori presenti provengono dalla Centrai European University Press. Il documento si concentra sull’unificazione tedesca, ma include anche la sincera discussione di Gorbaciov sui problemi economici e politici nell’Unione Sovietica e il “libero consiglio” di Baker (“a volte il ministro delle finanze in me si sveglia”) su prezzi, inflazione e persino la politica di vendere appartamenti per assorbire i rubli che i cauti cittadini sovietici hanno nascosto sotto i materassi.

Passando all’unificazione tedesca, Baker assicura a Gorbaciov che “né il presidente né io intendiamo estrarre vantaggi unilaterali dai processi in corso” e che gli americani comprendono l’importanza per l’URSS e l’Europa delle garanzie che “non un centimetro dell’attuale giurisdizione militare della NATO si estenderà verso est”. Baker si argomenta a favore dei colloqui Due più quattro usando la stessa sicurezza: “Riteniamo che le consultazioni e le discussioni nell’ambito del meccanismo ‘due+quattro’ dovrebbero garantire che l’unificazione della Germania non porti l’organizzazione militare della NATO a diffondersi al est.” Gorbaciov risponde citando il presidente polacco Wojciech Jaruze/ski: “che la presenza di truppe americane e sovietiche in Europa è un elemento di stabilità”.

Lo scambio chiave avviene quando Baker chiede se Gorbaciov preferirebbe “una Germania unita al di fuori della NATO, assolutamente indipendente e senza truppe americane; o una Germania unita che mantiene i suoi collegamenti con la NATO, ma con la garanzia che la giurisdizione o le truppe della NATO non si estenderanno a est dell’attuale confine”. Pertanto, in questa conversazione, il Segretario di Stato americano offre tre volte assicurazioni che se alla Germania fosse consentito unificarsi nella NATO, preservando la presenza degli Stati Uniti in Europa, la NATO non si espanderebbe a est. È interessante notare che non usa il termine RDT o Germania dell’Est e nemmeno menziona le truppe sovietiche nella Germania dell’Est. Per un abile negoziatore e attento avvocato, sembra molto improbabile che Baker non utilizzi una terminologia specifica se in realtà si riferisse solo alla Germania dell’Est.

Il leader sovietico risponde che “[ci] penseremo su tutto. Intendiamo discutere tutte queste questioni in modo approfondito a livello di leadership. Va da sé che un ampliamento della zona Nato non è accettabile». Baker afferma: “Siamo d’accordo con questo”.

Documento 07

Memorandum di conversazione tra Robert Gates e Vladimir Kryuchkov a Mosca.

9 febbraio 1990

Fonte

Biblioteca presidenziale George HW Bush, NSC Scowcroft Files, Box 91128, Folder “Gorbachev (Dobrynin) Sensitive”.

Questa conversazione è particolarmente importante perché i ricercatori successivi hanno ipotizzato che il segretario Baker potesse aver parlato oltre il suo mandato nella sua conversazione “non un pollice verso est” con Gorbaciov. Robert Gates, l’ex analista di spicco dell’intelligence della CIA e specialista dell’URSS, qui racconta la sua specie di controparte, il capo del KGB, nel suo ufficio al quartier generale del KGB di Lubyanka, esattamente ciò che Baker disse a Gorbaciov quel giorno al Cremlino : non un pollice verso est. A quel punto, Gates era il principale vice del consigliere per la sicurezza nazionale del presidente, il generale Brent Scowcroft, quindi questo documento parla di un approccio coordinato del governo degli Stati Uniti a Gorbaciov. Kryuchkov, che Gorbaciov nominò per sostituire Viktor Chebrikov al KGB nell’ottobre 1988, si presenta qui come sorprendentemente progressista su molte questioni di riforma interna.

Quando la discussione si sposta sulla politica estera, in particolare sulla questione tedesca, Gates chiede: “Cosa pensava Kryuchkov della proposta Kohl/Genscher in base alla quale una Germania unita sarebbe stata associata alla NATO, ma in cui le truppe della NATO non si sarebbero spostate più a est di quanto non fossero adesso? Ci sembra una proposta valida”. Kryuchkov non fornisce una risposta diretta, ma parla di quanto sia delicata la questione dell’unificazione tedesca per l’opinione pubblica sovietica e suggerisce che i tedeschi dovrebbero offrire alcune garanzie all’Unione Sovietica. Dice che, sebbene le idee di Kohl e Genscher siano interessanti, “anche quei punti delle loro proposte con cui siamo d’accordo dovrebbero avere garanzie. Abbiamo imparato dagli americani nei negoziati sul controllo degli armamenti l’importanza della verifica e dovremmo esserne sicuri”.

Documento 08

Lettera di James Baker a Helmut Kohl 1 O febbraio 1990

Fonte

Deutsche Enheit Sonderedition und den Akten des Budeskanzleramtes 1989/90, eds. Hanns Jurgen Kusters e Daniel Hofmann (Monaco di Baviera: R. Odenbourg Verlag, 1998), pp. 793-794

Questo documento chiave è apparso per la prima volta nell’edizione accademica di Helmut Kohl dei documenti della cancelleria sull’unificazione tedesca, pubblicata nel 1998. Kohl in quel momento è stato coinvolto in una campagna elettorale che avrebbe posto fine ai suoi 16 anni di mandato come cancelliere e voleva ricordare ai tedeschi il suo ruolo determinante nel trionfo dell’unificazione. [9] Il grande volume (oltre 1.000 pagine) includeva testi tedeschi degli incontri di Kohl con Gorbaciov, Bush, Mitterrand, Thatcher e altri – tutti pubblicati senza apparente consultazione con quei governi, solo otto anni dopo gli eventi. Alcuni dei documenti Kohl, come questo, appaiono in inglese, rappresentando gli originali americani o britannici piuttosto che le note o le traduzioni tedesche. Qui, Baker interroga Kohl il giorno dopo il suo incontro del 9 febbraio con Gorbaciov. (Il cancelliere avrà la sua sessione con Gorbaciov il 10 febbraio a Mosca.) L’americano informa i tedeschi sulle “preoccupazioni” sovietiche sull’unificazione e riassume perché un negoziato “Due più quattro” sarebbe il luogo più appropriato per i colloqui sugli “aspetti esterni dell’unificazione” dato che gli “aspetti interni … erano una questione strettamente tedesca.

Documento 09

Memorandum di conversazione tra Mikhail Gorbaciov e Helmut Kohl 1 O febbraio 1990

Fonte

Mikhail Gorbachev i germanskii vopros, a cura di Alexander Galkin e Anatoly Chernyaev, (Mosca: Ves Mir, 2006)

Questo incontro a Mosca è stato il momento, secondo il racconto di Kohl, in cui ha sentito per la prima volta da Gorbaciov che il leader sovietico vedeva l’unificazione tedesca come inevitabile, che il valore della futura amicizia tedesca in una “casa comune europea” superava le rigidità della Guerra Fredda, ma che il I sovietici avrebbero bisogno di tempo (e denaro) prima di poter riconoscere le nuove realtà. Preparato dalla lettera di Baker e dalla formula Tutzing del suo ministro degli Esteri, Kohl all’inizio della conversazione assicura a Gorbaciov: “Riteniamo che la NATO non dovrebbe ampliare la sfera della sua attività. Dobbiamo trovare una soluzione ragionevole. Comprendo correttamente gli interessi di sicurezza dell’Unione Sovietica e mi rendo conto che lei, signor Segretario generale, e la leadership sovietica dovrete spiegare chiaramente cosa sta succedendo al popolo sovietico”. Successivamente i due leader discutono della NATO e del Patto di Varsavia, con Gorbaciov che commenta: “Dicono cos’è la NATO senza la FRG. Ma potremmo anche chiederci: cos’è l’OMC senza la RDT?” Quando Kohl non è d’accordo, Gorbaciov chiede semplicemente “soluzioni ragionevoli che non avvelenano l’atmosfera nelle nostre relazioni” e afferma che questa parte della conversazione non dovrebbe essere resa pubblica.

L’aiutante di Gorbaciov, Andrei Grachev, scrisse in seguito che il leader sovietico aveva capito presto che la Germania era la porta dell’integrazione europea, e “[tutti] i tentativi di contrattazione [di Gorbaciov] sulla formula finale per l’associazione tedesca con la NATO erano quindi molto più una questione di forma che di contenuto serio; Gorbaciov cercava di guadagnare il tempo necessario per permettere all’opinione pubblica interna di adattarsi alla nuova realtà, al nuovo tipo di relazioni che stavano prendendo forma nelle relazioni dell’Unione Sovietica con la Germania e con l’Occidente in generale. Allo stesso tempo sperava di ottenere almeno un parziale compenso politico dai suoi partner occidentali per quello che credeva essere il suo principale contributo alla fine della Guerra Fredda”. [1O]

Documento 10-1

Appunti di Teimuraz Stepanov-Mamaladze dalla Conferenza sui cieli aperti, Ottawa, Canada.

12 febbraio 1990

Fonte

Archivio Hoover lnstitution, Collezione Stepanov-Mamaladze.

Il ministro degli Esteri sovietico Shevardnadze era particolarmente scontento del rapido ritmo degli eventi sull’unificazione tedesca, specialmente quando una riunione dei ministri degli esteri della NATO e del Patto di Varsavia precedentemente programmata a Ottawa, in Canada, il 10-12 febbraio 1990, aveva lo scopo di discutere il” “Cieli aperti”, si è trasformato in un negoziato ad ampio raggio sulla Germania e l’installazione del processo Due più quattro per elaborare i dettagli. L’aiutante di Shevardnadze, Teimuraz Stepanov­Mamaladze, scrisse appunti degli incontri di Ottawa in una serie di quaderni e tenne anche un diario meno telegrafico, che deve essere letto insieme ai quaderni per un resoconto più completo. Ora depositati presso la Hoover lnstitution, questi estratti degli appunti e del diario di Stepanov-Mamaladze registrano la disapprovazione di Shevardnadze per la velocità del processo.

Le note dei primi giorni della conferenza sono molto brevi, ma contengono una linea importante che mostra che Baker ha offerto la stessa formula di garanzia a Ottawa come ha fatto a Mosca: “E se Un[nited] G[ermany] rimane nella NATO, dovremmo occuparci della non espansione della sua giurisdizione a est”. Shevardnadze non è pronto a discutere le condizioni per l’unificazione tedesca; dice che deve consultarsi con Mosca prima che qualsiasi condizione venga approvata. Il 13 febbraio, secondo le note, Shevardnadze si lamenta: “Sono in una situazione stupida: stiamo discutendo di Open Skies, ma i miei colleghi parlano dell’unificazione della Germania come se fosse un dato di fatto”. Le note mostrano che Baker è stato molto insistente nel cercare di convincere Shevardnadze a definire le condizioni sovietiche per l’unificazione tedesca nella NATO.

Documento 10-2

Diario di Teimuraz Stepanov-Mamaladze, 12 febbraio 1990. 12 febbraio 1990

Fonte

Archivio Hoover lnstitution, Collezione Stepanov-Mamaladze.

Questa annotazione del diario del 12 febbraio contiene una brevissima descrizione della visita di Kohl e Genscher il 10 febbraio a Mosca, di cui Stepanov-Mamaladze non aveva precedentemente scritto (poiché non era presente). Condividendo il punto di vista del suo ministro, Shevardnadze, Stepanov riflette sulla natura frettolosa e sulle insufficienti considerazioni date alle discussioni di Mosca: “Prima della nostra visita qui, Kohl e Genscher hanno fatto una visita frettolosa a Mosca. E altrettanto frettolosamente – secondo EA [Shevardnadze] – Gorbaciov accettò il diritto dei tedeschi all’unità e all’autodeterminazione”. Questa annotazione del diario è la prova, da una prospettiva critica, che gli Stati Uniti e la Germania occidentale hanno fornito a Mosca assicurazioni concrete sul mantenimento della NATO alle dimensioni e alla portata attuali. Infatti:

Documento 10-3

Diario di Teimuraz Stepanov-Mamaladze, 13 febbraio 1990. 13 febbraio 1990

Fonte

Archivio Hoover lnstitution, Collezione Stepanov-Mamaladze.

Nel secondo giorno della conferenza di Ottawa, Stepanov-Mamaladze descrive difficili negoziati sulla formulazione esatta della dichiarazione congiunta sulla Germania e sul processo Due più quattro. Shevardnadze e Genscher hanno discusso per due ore sui termini “unità” contro “unificazione” mentre Shevardnadze cercava di rallentare le cose sulla Germania e convincere gli altri ministri a concentrarsi su Open Skies. La giornata è stata piuttosto intensa:

“Durante la giornata si sono svolte partite attive tra tutti loro. EA [Shevardnadze] ha incontrato Baker cinque volte, due volte con Genscher, ha parlato con Fischer [ministro degli esteri della DDR], Dumas [ministro degli esteri francese] e i ministri dei paesi ATS”, e infine il testo dell’accordo è stato risolto. usando la parola “unità”. La dichiarazione finale ha anche chiamato l’accordo sugli Stati Uniti e le truppe sovietiche nell’Europa centrale il principale risultato della conferenza. Ma per i delegati sovietici, “il ‘Cielo aperto’ [era] ancora chiuso dalla nuvola temporalesca della Germania”.

Documento 11

Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, “Due più quattro: vantaggi, possibili preoccupazioni e punti di confutazione”.

21 febbraio 1990

Fonte

Rilascio FOIA del Dipartimento di Stato, National Security Archive Flashpoints Collection, Box 38.

Questo memorandum, probabilmente scritto dal principale aiutante di Baker Robert Zoellick al Dipartimento di Stato, contiene la sincera visione americana del processo Due più quattro con i suoi vantaggi di “mantenere il coinvolgimento americano (e persino un certo controllo) sulla discussione unificazione”. Il timore americano era che i tedeschi occidentali facessero il loro accordo con Mosca per una rapida unificazione, rinunciando ad alcuni dei profitti per gli Stati Uniti, principalmente l’appartenenza alla NATO. Zoellick fa notare, ad esempio, che Kohl aveva annunciato i suoi 10 punti senza consultare Washington e dopo i segnali di Mosca, e che gli Stati Uniti avevano saputo che Kohl sarebbe andato a Mosca dai sovietici. La nota anticipa le obiezioni sull’inclusione dei sovietici sottolineando che erano già in Germania e dovevano essere affrontate. L’accordo due più quattro include i sovietici ma impedisce loro di avere un veto (che un processo delle quattro potenze o un processo delle Nazioni Unite potrebbe consentire), mentre un’efficace conversazione uno più tre prima di ogni incontro consentirebbe alla Germania occidentale e gli Stati Uniti, con gli inglesi e i francesi, per elaborare una posizione comune. Particolarmente eloquenti sono le sottolineature e la calligrafia di Baker ai margini, in particolare la sua frase esuberante, “non hai visto un leveraged buyout finché non vedi questo!”

Documento 12-1

Memorandum di conversazione tra Vaclav Havel e George Bush a Washington.

20 febbraio 1990 Fonte

Biblioteca presidenziale, Memcons e Telcons di George HW Bush ( https://bush41 library.tamu.edu/ )

Queste conversazioni potrebbero essere chiamate “l’educazione di Vaclav Havel”, [10]quando l’ex dissidente diventato presidente della Cecoslovacchia visitò Washington solo due mesi dopo che la Rivoluzione di velluto lo portò dalla prigione al Castello di Praga. Havel avrebbe goduto di standing ovation durante un discorso del 21 febbraio a una sessione congiunta del Congresso e avrebbe tenuto colloqui con Bush prima e dopo l’apparizione al Congresso. Havel era già stato citato dai giornalisti per chiedere lo scioglimento dei blocchi della Guerra Fredda, sia la NATO che il Patto di Varsavia, e il ritiro delle truppe, quindi Bush ha colto l’occasione per tenere una lezione al leader ceco sul valore della NATO e sul suo ruolo essenziale come base per la presenza degli Stati Uniti in Europa. Tuttavia, Havel ha menzionato due volte nel suo discorso al Congresso la sua speranza che “i soldati americani non dovrebbero essere separati dalle loro madri” solo perché l’Europa non poteva mantenere la pace, e ha fatto appello per una “futura Germania democratica nel processo di unificazione in una nuova struttura paneuropea che potrebbe decidere sul proprio sistema di sicurezza”. Ma dopo, parlando di nuovo con Bush, l’ex dissidente aveva chiaramente recepito il messaggio. Havel ha detto che potrebbe essere stato frainteso, che ha certamente visto il valore dell’impegno degli Stati Uniti in Europa. Da parte sua, Bush ha sollevato le possibilità, ipotizzando una maggiore cooperazione cecoslovacca su questo tema, di investimenti e aiuti statunitensi.

Documento 12-2

Memorandum di conversazione tra Vaclav Havel e George Bush a Washington.

21 febbraio 1990

Fonte

Biblioteca presidenziale, Memcons e Telcons di George HW Bush (https://bush41 library.tamu.edu/).

Questo memcon dopo il discorso trionfante di Havel al Congresso contiene la richiesta di Bush a Havel di trasmettere il messaggio a Gorbaciov che gli americani lo sostengono personalmente e che “Non ci comporteremo nel modo sbagliato dicendo ‘vinciamo, tu perdi”. Sottolineando il punto, dice Bush, “di’ a Gorbaciov che ti ho chiesto di dire a Gorbaciov che non ci comporteremo riguardo alla Cecoslovacchia o a qualsiasi altro paese in un modo che complicherebbe i problemi di cui ha così francamente discusso con me”. Il leader cecoslovacco aggiunge la propria cautela agli americani su come procedere con l’unificazione della Germania e affrontare le insicurezze sovietiche. Havel fa notare a Bush: “È una questione di prestigio. Per questo ho parlato del nuovo sistema di sicurezza europeo senza citare la NATO. Perché, se è nato dalla NATO, dovrebbe chiamarsi in altro modo, se non altro per l’elemento di prestigio. Se la NATO prenderà il controllo della Germania, sembrerà una sconfitta, una superpotenza che ne conquista un’altra. Ma se la NATO può trasformarsi, magari in concomitanza con il processo di Helsinki, sembrerebbe un processo pacifico di cambiamento, non di sconfitta”. Bush ha risposto positivamente: “Hai sollevato un buon punto. La nostra opinione è che la NATO continuerebbe con un nuovo ruolo politico e che ci basiamo sul processo CSCE. Penseremo a come procedere”.

Documento 13

Memorandum di conversazione tra Helmut Kohl e George Bush a Camp David.

24 febbraio 1990

Fonte

Biblioteca presidenziale, Memcons e Telcons di George HW Bush (https://bush41 library.tamu.edu/).

La principale preoccupazione dell’amministrazione Bush per l’unificazione tedesca mentre il processo accelerava nel febbraio 1990 era che i tedeschi occidentali potessero fare il loro accordo bilateralmente con i sovietici (vedi documento 11) e potessero essere disposti a contrattare l’adesione alla NATO. Il presidente Bush in seguito ha commentato che lo scopo dell’incontro di Camp David con Kohl era di “mantenere la Germania nella riserva della NATO”, e questo ha guidato l’agenda di questa serie di incontri. Il cancelliere tedesco arriva a Camp David senza Genscher perché quest’ultimo non condivide del tutto la posizione Bush-Kohl sulla piena adesione della Germania alla NATO, e recentemente ha fatto arrabbiare entrambi i leader parlando pubblicamente della CSCE come futuro meccanismo di sicurezza europeo. [12]

All’inizio di questa conversazione, Kohl esprime gratitudine per il sostegno di Bush e Baker durante le sue discussioni con Gorbaciov a Mosca all’inizio di febbraio, in particolare per la lettera di Bush che afferma il forte impegno di Washington per l’unificazione tedesca nella NATO. Entrambi i leader esprimono la necessità di una più stretta collaborazione tra loro al fine di raggiungere il risultato desiderato. La priorità di Bush è mantenere la presenza degli Stati Uniti, in particolare l’ombrello nucleare, in Europa: “se le forze nucleari statunitensi vengono ritirate dalla Germania, non vedo come possiamo persuadere nessun altro alleato nel continente a mantenere queste armi”. Si riferisce sarcasticamente alle critiche provenienti da Capitai Hill: “Abbiamo idee strane nel nostro Congresso oggi, idee come questo dividendo di pace. Non possiamo farlo in questi tempi incerti. Entrambi i leader sono preoccupati per la posizione che Gorbaciov potrebbe assumere e concordano sulla necessità di consultarsi regolarmente con lui. Kohl suggerisce che i sovietici hanno bisogno di assistenza e che l’accordo finale sulla Germania potrebbe essere una “questione di denaro”. Prefigurando la sua riluttanza a contribuire finanziariamente, Bush risponde: “hai tasche profonde”. A un certo punto della conversazione, Bush sembra vedere la sua controparte sovietica non come un partner ma come un nemico sconfitto. Riferendosi ai discorsi in alcuni quartieri sovietici contro la permanenza della Germania nella NATO, dice: “Al diavolo. Abbiamo prevalso e loro no. Non possiamo lasciare che i sovietici afferrino la vittoria dalle fauci della sconfitta”.

Documento 14

Memorandum di conversazione tra George Bush e Eduard Shevardnadze a Washington.

6 aprile 1990

Fonte

Biblioteca presidenziale, Memcons e Telcons di George HW Bush (https://bush41 library.tamu.edu/)

Il ministro degli Esteri Shevardnadze consegna una lettera a Bush da Gorbaciov, in cui il presidente sovietico passa in rassegna le questioni principali prima del prossimo vertice. Le questioni economiche sono in cima alla lista per l’Unione Sovietica, in particolare lo status di nazione più favorita e un accordo commerciale con gli Stati Uniti. Shevardnadze esprime preoccupazione per la mancanza di progressi su queste questioni e per gli sforzi degli Stati Uniti per impedire alla BERS di concedere prestiti all’URSS. Sottolinea che non chiedono aiuto, “cerchiamo solo di essere trattati come partner”. Affrontando le tensioni in Lituania, Bush dice che non vuole creare difficoltà a Gorbaciov su questioni interne, ma osserva che deve insistere sui diritti dei lituani perché la loro incorporazione nell’URSS non è mai stata riconosciuta dagli Stati Uniti. Sul controllo degli armamenti, entrambe le parti indicano qualche passo indietro da parte dell’altra ed esprimono il desiderio di finalizzare rapidamente il Trattato START. Shevardnadze menziona il prossimo vertice della CSCE e l’aspettativa sovietica che discuterà delle nuove strutture di sicurezza europee. Bush non lo contraddice, ma lo lega alle questioni della presenza statunitense in Europa e dell’unificazione tedesca nella NATO. Dichiara di voler “contribuire alla stabilità e alla creazione di un’Europa intera e libera, o come la chiami tu, una casa comune europea. Un’idea molto vicina alla nostra”. I sovietici, erroneamente, interpretano questo come una dichiarazione che l’amministrazione statunitense condivide l’idea di Gorbaciov. Shevardnadze menziona il prossimo vertice della CSCE e l’aspettativa sovietica che discuterà delle nuove strutture di sicurezza europee.

Documento 15

Sir R. Braithwaite (Mosca). Telegrafico N. 667: “Incontro del Segretario di Stato con il presidente Gorbaciov”.

11 aprile 1990

Fonte

Documenti sulla politica britannica all’estero, serie lII, volume VII: Unificazione tedesca, 1989-1990. (Foreign and Commonwealth Office. Documents on British Policy Overseas, a cura di Patrick Salmon, Keith Hamilton e Stephen Twigge, Oxford e New York, Routledge 201 O), pp. 373-375.

Il telegramma dell’ambasciatore Braithwaite riassume l’incontro tra il segretario di Stato per gli affari esteri e del Commonwealth Douglas Hurd e il presidente Gorbaciov, sottolineando l”‘umore espansivo” di Gorbaciov. Gorbaciov chiede al segretario di trasmettergli il suo apprezzamento per la lettera di Margaret Thatcher dopo il suo vertice con Kohl, durante il quale, secondo Gorbaciov, ha seguito le linee politiche discusse da Gorbaciov e Thatcher nella loro recente telefonata, sulla base della quale il governo sovietico leader ha concluso che “le posizioni britannica e sovietica erano davvero molto vicine”. Hurd avverte Gorbaciov che le loro posizioni non sono d’accordo al 100%, ma che gli inglesi “hanno riconosciuto l’importanza di non fare nulla per pregiudicare gli interessi e la dignità sovietici”. Gorbaciov, come si evince dal riassunto di Braithwaite, parla dell’importanza di costruire nuove strutture di sicurezza come modo per affrontare la questione delle due Germanie: “Se parliamo di un dialogo comune su una nuova Europa che si estende dall’Atlantico agli Urali, quello era un modo per affrontare il Questione tedesca”. Ciò richiederebbe un periodo di transizione per accelerare il processo europeo e “sincronizzarlo con la ricerca di una soluzione al problema delle due Germanie”. Tuttavia, se il processo fosse unilaterale – solo la Germania nella NATO e nessun riguardo per gli interessi di sicurezza sovietici – è molto improbabile che il Soviet Supremo approvi una tale soluzione e l’Unione Sovietica metterebbe in dubbio la necessità di accelerare la riduzione delle sue armi convenzionali in Europa. A suo avviso, l’adesione della Germania alla NATO senza progressi sulle strutture di sicurezza europee “potrebbe sconvolgere l’equilibrio della sicurezza:

Documento 16

Memorandum di Valentin Falin a Mikhail Gorbaciov (estratti) 18 aprile 1990

Fonte

Mikhail Gorbachev i germanskii vopros, a cura di Alexander Galkin e Anatoly Chernyaev, (Mosca: Ves Mir, 2006), pp. 398-408

Questo memorandum del più alto esperto di Germania del Comitato Centrale suona come un campanello d’allarme per Gorbaciov. Falin lo dice senza mezzi termini: mentre la politica sovietica europea è caduta nell’inattività e persino nella “depressione” dopo le elezioni del 18 marzo nella Germania dell’Est, e lo stesso Gorbaciov ha lasciato che Kohl acceleri il processo di unificazione, i suoi compromessi sulla Germania nella NATO non possono che portare alla scomparsa del suo obiettivo principale per l’Europa: la casa comune europea. “Riassumendo gli ultimi sei mesi, si deve concludere che la ‘casa comune europea’, che era un compito concreto che i paesi del continente stavano iniziando a realizzare, ora si sta trasformando in un miraggio”. Mentre l’Occidente sta dolcemente parlando con Gorbaciov ad accettare l’unificazione tedesca nella NATO, Falin osserva (correttamente) che “gli stati occidentali stanno già violando il principio del consenso stipulando accordi preliminari tra loro” sull’unificazione tedesca e sul futuro dell’Europa che non prevedono una “lunga fase di sviluppo costruttivo”. Prende atto dell’intensa coltivazione da parte dell’Occidente non solo della NATO ma anche dei nostri alleati del Patto di Varsavia” con l’obiettivo di isolare l’URSS nel quadro del Due più Quattro e della CSCE.

Commenta inoltre che non si sentono più voci ragionevoli: “Il Genscher di tanto in tanto continua a discutere sull’accelerazione del movimento verso la sicurezza collettiva europea con la ‘dissoluzione della NATO e dell’OMC in essa.’ … Ma pochissime persone … sentono Genscher”. Falin propone di utilizzare i diritti delle quattro potenze sovietiche per ottenere un accordo formale legalmente vincolante uguale a un trattato di pace che garantirebbe gli interessi di sicurezza sovietici come “la nostra unica possibilità di agganciare l’unificazione tedesca al processo paneuropeo”. Suggerisce anche di utilizzare i negoziati sul controllo degli armamenti a Vienna e Ginevra come leva se l’Occidente continua a sfruttare la flessibilità sovietica. La nota suggerisce disposizioni specifiche per l’accordo finale con la Germania, la cui negoziazione richiederebbe molto tempo e fornirebbe una finestra per la costruzione di strutture europee.

Documento 17

James A. Baker lii, Memorandum per il presidente, “Il mio incontro con Shevardnadze”.

4 maggio 1990

Fonte

Biblioteca presidenziale George HW Bush, NSC Scowcroft Files, Box 91126, Folder “Gorbachev (Dobrynin) Sensitive – June 1990 [3]”

Il 4 maggio 1990 il segretario di Stato aveva appena trascorso quasi quattro ore a Bonn per incontrare il ministro degli Esteri sovietico, coprendo una serie di questioni ma concentrandosi sulla crisi in Lituania e sui negoziati per l’unificazione tedesca. Come nei colloqui di febbraio e durante tutto l’anno, Baker si è preso la briga di fornire assicurazioni ai sovietici sulla loro inclusione nel futuro dell’Europa. Baker riferisce: “Ho anche usato il tuo discorso e il nostro riconoscimento della necessità di adattare la NATO, politicamente e militarmente, e di sviluppare la CSCE per rassicurare Shevardnadze che il processo non avrebbe prodotto vincitori e vinti. Invece, produrrebbe una nuova struttura europea legittima, inclusiva, non esclusiva”. La risposta di Shevardnadze indica che “la nostra discussione sulla nuova architettura europea era compatibile con gran parte del loro pensiero, sebbene il loro pensiero fosse ancora in fase di sviluppo”. Baker riferisce che Shevardnadze “ha sottolineato ancora una volta la difficoltà psicologica che hanno – in particolare l’opinione pubblica sovietica – di accettare una Germania unificata nella NATO”. Astutamente, Baker prevede che Gorbaciov non “affronterà questo tipo di questione politica emotivamente carica ora” e probabilmente non prima del Congresso del Partito a luglio.

Documento 18

Registrazione della conversazione tra Mikhail Gorbaciov e James Baker a Mosca.

18 maggio 1990

Fonte

Archivio Fondazione Gorbaciov, Fond 1, Opis 1.

Questa affascinante conversazione copre una serie di questioni relative al controllo degli armamenti in preparazione al vertice di Washington e include discussioni ampie ma inconcludenti sull’unificazione tedesca e le tensioni nei Paesi baltici, in particolare la situazione di stallo tra Mosca e la Lituania secessionista. Gorbaciov fa un appassionato tentativo di persuadere Baker che la Germania dovrebbe riunificarsi al di fuori dei principali blocchi militari, nel contesto del processo tutto europeo. Baker fornisce a Gorbaciov nove punti di sicurezza per dimostrare che la sua posizione viene presa in considerazione. Il punto otto è il più importante per Gorbaciov: gli Stati Uniti stanno “facendo uno sforzo in vari forum per trasformare in definitiva la CSCE in un’istituzione permanente che diventerebbe un’importante pietra angolare di una nuova Europa”.

Nonostante questa rassicurazione, quando Gorbaciov menziona la necessità di costruire nuove strutture di sicurezza per sostituire i blocchi, Baker si lascia sfuggire una reazione personale che rivela molto sulla reale posizione degli Stati Uniti sull’argomento: “E bello parlare di strutture di sicurezza paneuropee, di ruolo della CSCE. È un sogno meraviglioso, ma solo un sogno. Nel frattempo, esiste la NATO . …” Gorbaciov suggerisce che se la parte statunitense insiste sulla Germania nella NATO, allora “annuncerebbe pubblicamente che anche noi vogliamo entrare nella NATO”. Shevardnadze va oltre, offrendo un’osservazione profetica: “se la Germania unita diventa membro della NATO, farà esplodere la perestrojka. La nostra gente non ci perdonerà. La gente dirà che siamo finiti perdenti, non vincitori”.

Documento 19

Registrazione della conversazione tra Mikhail Gorbachev e Francois Mitterrand (estratti).

25 maggio 1990

Fonte

Mikhail Gorbachev i germanskii vopros, a cura di Alexander Galkin e Anatoly Chernyaev, (Mosca: Ves Mir, 2006), pp. 454-466

Gorbaciov riteneva che, tra tutti gli europei, il presidente francese fosse il suo più stretto alleato nella costruzione di un’Europa post Guerra Fredda, perché il leader sovietico credeva che Mitterrand condividesse il suo concetto di casa comune europea e l’idea di sciogliere entrambi i blocchi militari a favore delle nuove strutture di sicurezza europee. E Mitterrand condivideva quel punto di vista, in una certa misura. In questa conversazione, Gorbaciov spera ancora di persuadere la sua controparte a unirsi a lui nell’opposizione all’unificazione tedesca nella NATO. Mitterrand è abbastanza diretto, dicendo a Gorbaciov che è troppo tardi per combattere questo problema e che non darebbe il suo sostegno, perché “se dico ‘no’ all’adesione della Germania alla NATO, mi sentirò isolato dai miei partner occidentali”. Tuttavia, Mitterrand suggerisce che Gorbaciov richieda “garanzie adeguate” dalla NATO. Parla del pericolo di isolare l’Unione Sovietica nella nuova Europa e della necessità di “creare condizioni di sicurezza per voi, così come la sicurezza europea nel suo insieme. Questo è stato uno dei miei obiettivi guida, in particolare quando ho proposto la mia idea di creare una confederazione europea. È simile al tuo concetto di casa europea comune”.

Nelle sue raccomandazioni a Gorbaciov, Mitterrand sta sostanzialmente ripetendo le righe del promemoria di Falin (vedi Documento 16). Dice che Gorbaciov dovrebbe lottare per un accordo formale con la Germania usando i suoi diritti delle quattro potenze e usare la leva dei negoziati sul controllo degli armamenti delle convenzioni: “Non abbandonerai una carta vincente come i negoziati sul disarmo”. Implica che la NATO non è la questione chiave ora e potrebbe essere soffocata in ulteriori negoziati; piuttosto, l’importante è garantire la partecipazione sovietica al nuovo sistema di sicurezza europeo. Ribadisce di essere «personalmente favorevole allo smantellamento graduale dei blocchi militari».

Gorbaciov esprime la sua diffidenza e sospetto nei confronti degli sforzi degli Stati Uniti di “perpetuare la NATO”, di “usare la NATO per creare una sorta di meccanismo, un’istituzione, una sorta di directory per la gestione degli affari mondiali”. Racconta a Mitterrand la sua preoccupazione per il fatto che gli Stati Uniti stiano cercando di attirare gli europei dell’est nella NATO: “Ho detto a Baker: siamo consapevoli del suo atteggiamento favorevole all’intenzione espressa da alcuni rappresentanti dei paesi dell’Europa orientale di ritirarsi dal Patto di Varsavia e successivamente entrare a far parte della NATO”. E l’adesione dell’URSS?

Mitterrand accetta di sostenere Gorbaciov nei suoi sforzi per incoraggiare i processi paneuropei e garantire che gli interessi di sicurezza sovietici siano presi in considerazione fintanto che non deve dire “no” ai tedeschi. Dice: “Ho sempre detto ai miei partner della NATO: impegnarsi a non spostare le formazioni militari della NATO dal loro attuale territorio nella RFT alla Germania dell’Est”.

Documento 20

Lettera di Francois Mitterrand a George Bush 25 maggio 1990

Fonte

Biblioteca presidenziale George HW Bush, NSC Scowcroft Files, FOIA 2009- 0275-S

Fedele alla sua parola, Mitterrand scrive una lettera a George Bush descrivendo la difficile situazione di Gorbaciov sulla questione dell’unificazione tedesca nella NATO, definendola genuina, non “falsa o tattica”. Avverte il presidente americano di non farlo come un fatto compiuto senza il consenso di Gorbaciov, il che implica che Gorbaciov potrebbe vendicarsi sul controllo degli armamenti (esattamente ciò che lo stesso Mitterrand – e Falin in precedenza – hanno suggerito nella sua conversazione). Mitterrand argomenta a favore di un formale “accordo di pace nel diritto internazionale” e informa Bush che nella sua conversazione con Gorbaciov “ha indicato che, da parte occidentale, non rifiuteremmo certamente di dettagliare le garanzie che avrebbe diritto a aspettati per la sicurezza del suo Paese”. Mitterrand pensa che “dobbiamo cercare di dissipare le preoccupazioni del signor Gorbatchev,

Documento 21

Registrazione della conversazione tra Mikhail Gorbaciov e George Bush. Casa Bianca, Washington DC

31 maggio 1990 Fonte

Archivio Fondazione Gorbaciov, Mosca, Fond 1, opis 1. [13]

In questa famosa discussione sulle “due ancore”, le delegazioni statunitense e sovietica deliberano sul processo di unificazione tedesca e in particolare sulla questione di una Germania unita che aderisca alla NATO. Bush cerca di persuadere la sua controparte a riconsiderare i suoi timori nei confronti della Germania basati sul passato e di incoraggiarlo a fidarsi della nuova Germania democratica. Il presidente degli Stati Uniti afferma: “Credimi, non stiamo spingendo la Germania verso l’unificazione e non siamo noi a determinare il ritmo di questo processo. E, naturalmente, non abbiamo alcuna intenzione, nemmeno nei nostri pensieri, di danneggiare in alcun modo l’Unione Sovietica. Ecco perché parliamo a favore dell’unificazione tedesca nella NATO senza ignorare il più ampio contesto della CSCE, tenendo conto dei tradizionali legami economici tra i due stati tedeschi. Un tale modello, a nostro avviso, corrisponde anche agli interessi sovietici. Baker ripete le nove assicurazioni fatte in precedenza dall’amministrazione, tra cui che gli Stati Uniti ora accettano di sostenere il processo paneuropeo e la trasformazione della NATO al fine di rimuovere la percezione sovietica di minaccia. La posizione preferita di Gorbaciov è la Germania con un piede sia nella NATO che nel Patto di Varsavia – le “due ancore” – creando una sorta di adesione associata. Baker interviene, affermando che “gli obblighi simultanei di uno stesso Paese nei confronti dell’OMC e della NATO sanno di schizofrenia”. Dopo che il presidente degli Stati Uniti ha inquadrato la questione nel contesto dell’accordo di Helsinki, Gorbaciov propone che il popolo tedesco abbia il diritto di scegliere la propria alleanza, cosa che in sostanza aveva già affermato a Kohl durante il loro incontro nel febbraio 1990. Qui, Gorbaciov supera notevolmente la sua breve, e incorre nelle ire di altri membri della sua delegazione, in particolare il funzionario con il portafoglio tedesco, Valentin Falin, e il maresciallo Sergey Akhromeyev. Gorbaciov lancia un avvertimento chiave sul futuro: “se il popolo sovietico avesse l’impressione che non siamo stati presi in considerazione nella questione tedesca, allora tutti i processi positivi in Europa, compresi i negoziati a Vienna [sulle forze convenzionali], sarebbero in serio pericolo . Questo non è solo bluffare. È semplicemente che le persone ci costringeranno a fermarci e a guardarci intorno”. É un’ammissione notevole sulle pressioni politiche interne dell’ultimo leader sovietico.

Documento 22

Lettera del signor Powell (N. 10) al signor Wall: memorandum di conversazione Thatcher-Gorbachev.

8 giugno 1990

Fonte

Documenti sulla politica britannica all’estero, serie lII, volume VII: Unificazione tedesca, 1989-1990. (Foreign and Commonwealth Office. Documents on British Policy Overseas, a cura di Patrick Salmon, Keith Hamilton e Stephen Twigge, Oxford e New York, Routledge 2010), pp 411-417

Margaret Thatcher fa visita a Gorbaciov subito dopo il suo ritorno a casa dal suo vertice con George Bush. Tra le molte questioni della conversazione, il centro di gravità è sull’unificazione tedesca e sulla NATO, su cui, osserva Powell, “le opinioni di Gorbaciov erano ancora in evoluzione”. Piuttosto che concordare sull’unificazione tedesca nella NATO, Gorbaciov parla della necessità che la NATO e il patto di Varsavia si avvicinino, dal confronto alla cooperazione per costruire una nuova Europa: “Dobbiamo plasmare le strutture europee in modo che ci aiutino a trovare l’Europa comune casa. Nessuna delle due parti deve aver paura di soluzioni non ortodosse”.

Mentre la Thatcher parla contro le idee di Gorbaciov che non prevedono la piena adesione alla NATO per la Germania e sottolinea l’importanza di una presenza militare statunitense in Europa, vede anche che “la CSCE potrebbe fornire l’ombrello per tutto questo, oltre ad essere il forum che ha portato l’Unione Sovietica pienamente in discussione sul futuro dell’Europa”. Gorbaciov dice di voler “essere completamente franco con il Primo Ministro” sul fatto che se i processi dovessero diventare unilaterali, “potrebbe esserci una situazione molto difficile [e] l’Unione Sovietica sentirebbe la sua sicurezza in pericolo”. La Thatcher risponde fermamente che non era nell’interesse di nessuno mettere a repentaglio la sicurezza sovietica: “dobbiamo trovare il modo di dare all’Unione Sovietica la fiducia che la sua sicurezza sarebbe stata assicurata”.

Documento 23

Registrazione della conversazione tra Mikhail Gorbaciov e Helmut Kohl, Mosca (estratti).

15 luglio 1990

Fonte

Mikhail Gorbachev i germanskii vopros, a cura di Alexander Galkin e Anatoly Chernyaev, (Mosca: Ves Mir, 2006), pp. 495-504

Questa conversazione chiave tra il cancelliere Kohl e il presidente Gorbaciov stabilisce i parametri finali per l’unificazione tedesca. Kohl parla ripetutamente della nuova era delle relazioni tra una Germania unita e l’Unione Sovietica e di come questa relazione contribuirebbe alla stabilità e alla sicurezza dell’Europa. Gorbaciov chiede assicurazioni sulla non espansione della

NATO: “dobbiamo parlare della non proliferazione delle strutture militari della NATO nel territorio della DDR e del mantenimento delle truppe sovietiche lì per un certo periodo di transizione”. Il leader sovietico ha notato in precedenza nella conversazione che la NATO ha già iniziato a trasformarsi. Per lui, la promessa di non espansione della NATO nel territorio della DDR in spirito significa che la NATO non trarrà vantaggio dalla volontà sovietica di scendere a compromessi sulla Germania. Chiede anche che lo status delle truppe sovietiche nella DDR per il periodo di transizione sia “regolato. Non dovrebbe rimanere sospeso in aria, ha bisogno di una base legale”. Consegna a Kohl considerazioni sovietiche per un trattato sovietico­tedesco a tutti gli effetti che includerebbe tali garanzie. Vuole anche assistenza per il trasferimento delle truppe e la costruzione di alloggi per loro. Kohl promette di farlo fintanto che questa assistenza non sarà interpretata come “un programma di assistenza tedesca all’esercito sovietico”.

Parlando del futuro dell’Europa, Kohl allude alla trasformazione della NATO: “Sappiamo cosa attende la NATO in futuro e penso che ora lo sappiate anche voi”. Kohl sottolinea inoltre che il presidente Bush è consapevole e sostiene gli accordi sovietico-tedeschi e svolgerà un ruolo chiave nella costruzione della nuova Europa. Chernyaev riassume questo incontro nel suo diario del 15 luglio 1990: “Oggi – Kohl. Si incontrano al palazzo Schechtel in via Alexei Tolstoj. Gorbaciov conferma il suo accordo per l’ingresso della Germania unificata nella NATO. Kohl è deciso e assertivo. Conduce una partita pulita ma dura. E non è l’esca (prestiti) ma il fatto che sia inutile resistere qui, andrebbe controcorrente, sarebbe contrario alla realtà stessa a cui la SM ama tanto riferirsi”. [14]

Documento 24

Memorandum di conversazione telefonica tra Mikhail Gorbaciov e George Bush

17 luglio 1990

Fonte

Biblioteca presidenziale, Memcons e Telcons di George HW Bush ((https://bush41 library.tamu.edu/)

Il presidente Bush si rivolge a Gorbaciov subito dopo gli incontri Kohl-Gorbachev a Mosca e la ritirata nel Caucaso di Arkhyz, che ha stabilito l’unificazione tedesca, lasciando solo le disposizioni finanziarie per la risoluzione a settembre. Gorbaciov non solo aveva fatto l’accordo con Kohl, ma era anche sopravvissuto e trionfato al 28° Congresso del PCUS all’inizio di luglio, l’ultimo nella storia del Partito Sovietico. Gorbaciov descrive questo periodo come “forse il periodo più difficile e importante della mia vita politica”. Il Congresso ha sottoposto il leader del partito alle aspre critiche sia dei comunisti conservatori che dell’opposizione democratica. Riuscì a difendere il suo programma e vincere la rielezione a segretario generale, ma aveva ben poco da mostrare dal suo impegno con l’Occidente, soprattutto dopo aver ceduto così tanto terreno al l’unificazione tedesca.

Mentre Gorbaciov ha combattuto per la sua vita politica come leader sovietico, il vertice di Houston del G-7 aveva discusso i modi per aiutare la perestrojka, ma a causa dell’opposizione degli Stati Uniti ai crediti o agli aiuti economici diretti prima dell’emanazione di serie riforme del libero mercato, nessuna concreta è stato approvato il pacchetto di assistenza; il gruppo si è limitato ad autorizzare “studi” da parte del FMI e della Banca Mondiale. Gorbaciov ribatte che, con risorse sufficienti, l’URSS “potrebbe passare a un’economia di mercato”, altrimenti il paese “dovrà fare più affidamento sulle misure regolamentate dallo stato”. In questa telefonata, Bush amplia le assicurazioni sulla sicurezza di Kohl e rafforza il messaggio della Dichiarazione di Londra: “Quindi quello che abbiamo cercato di fare è stato tenere conto delle vostre preoccupazioni espresse a me e ad altri, e lo abbiamo fatto nei seguenti modi: la nostra dichiarazione congiunta sulla non aggressione; nel nostro invito a venire alla NATO; nel nostro accordo di aprire la NATO a contatti diplomatici regolari con il vostro governo e quelli dei paesi dell’Europa orientale; e la nostra offerta sulle assicurazioni sulle dimensioni future delle forze armate di una Germania unita, una questione che so che lei ha discusso con Helmut Kohl. Abbiamo anche cambiato radicalmente il nostro approccio militare alle forze convenzionali e nucleari. Abbiamo trasmesso l’idea di una CSCE ampliata e più forte con nuove istituzioni in cui l’URSS può condividere e far parte della nuova Europa”.

Documento 25

12 settembre Conferenza ministeriale due più quattro a Mosca: resoconto dettagliato [include il testo del trattato sull’accordo finale rispetto alla Germania e il verbale concordato sul trattato sullo status militare speciale della DDR dopo l’unificazione].

2 novembre 1990

Fonte

Biblioteca presidenziale George HW Bush, NSC Condoleezza Rice Files, 1989-1990 Subject Files, Folder “Memcons and Telcons – USSR [1]”

Il personale dell’Ufficio europeo del Dipartimento di Stato ha scritto questo documento, praticamente un memcon, e lo ha indirizzato ad alti funzionari come Robert Zoellick e Condoleezza Rice, sulla base degli appunti presi dai partecipanti statunitensi alla sessione ministeriale finale sull’unificazione tedesca il 12 settembre, 1990. Il documento contiene le dichiarazioni di tutti e sei i ministri nel processo Due più quattro – Shevardnadze (l’ospite), Baker, Hurd, Dumas, Genscher e De Maiziere della RDT – (molte delle quali sarebbero state ripetute dalla loro stampa conferenze successive all’evento), insieme al testo concordato del trattato finale sull’unificazione tedesca. Il trattato codificava ciò che Bush aveva precedentemente offerto a Gorbaciov: “status militare speciale” per l’ex territorio della DDR. All’ultimo minuto, Le preoccupazioni britanniche e americane che la lingua avrebbe limitato i movimenti di emergenza delle truppe NATO lì hanno costretto l’inclusione di un “minuto” che ha lasciato alla Germania appena unificata e sovrana quale dovrebbe essere il significato della parola “schierato”. Kohl si era impegnato con Gorbaciov che solo le truppe NATO tedesche sarebbero state autorizzate su quel territorio dopo che i sovietici se ne fossero andati, e la Germania si attenne a quell’impegno, anche se il “minuto” aveva lo scopo di consentire ad altre truppe NATO di attraversare o esercitarsi almeno temporaneamente. Successivamente, aiutanti di Gorbaciov come Pavel Palazhshenko indicherebbero il linguaggio del trattato per sostenere che l’espansione della NATO ha violato lo “spirito” di questo trattato sull’insediamento finale.

Documento 26

Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, Ufficio europeo: documento strategico della NATO riveduto per la discussione alla riunione dei sottogruppi

22 ottobre 1990

Fonte

Biblioteca presidenziale George HW Bush, NSC Heather Wilson Files, Box CF00293, Folder “NATO – Strategy (5)”

L’amministrazione Bush aveva creato il “Ungroup” nel 1989 per aggirare una serie di conflitti di personalità a livello di assistente segretario che avevano bloccato il consueto processo interagenzia di sviluppo delle politiche sul controllo degli armamenti e sulle armi strategiche. I membri dell’Ungroup, presieduto da Arnold Kanter dell’NSC, avevano la fiducia dei loro capi ma non necessariamente il concomitante titolo formale o grado ufficiale. [15] The Ungroup si è sovrapposto a un analogo European Security Strategy Group istituito ad hoc, e questa è diventata la sede, subito dopo il completamento dell’unificazione tedesca, per la discussione all’interno dell’amministrazione Bush sul nuovo ruolo della NATO in Europa e in particolare sulle relazioni della NATO con i paesi dell’Europa orientale. I paesi dell’Europa orientale, ancora formalmente nel Patto di Varsavia, ma guidati da governi non comunisti, erano interessati a diventare membri a pieno titolo della comunità internazionale, cercando di entrare a far parte della futura Unione Europea e potenzialmente della NATO.

Questo documento, preparato per una discussione sul futuro della NATO da un sottogruppo composto da rappresentanti dell’NSC, del Dipartimento di Stato, dei capi congiunti e di altre agenzie, postula che “[una] potenziale minaccia sovietica permane e costituisce una giustificazione fondamenta/e per la continuazione di Nato”. Allo stesso tempo, nella discussione sulla potenziale adesione dell’Europa orientale alla NATO, la revisione suggerisce che “nell’ambiente attuale, non è nel migliore interesse della NATO o degli Stati Uniti che a questi stati sia concessa la piena adesione alla NATO e la sua sicurezza garanzie”. Gli Stati Uniti non “vogliono organizzare una coalizione antisovietica la cui frontiera è il confine sovietico”, anche per l’impatto negativo che ciò potrebbe avere sulle riforme in URSS. Gli uffici di collegamento della NATO farebbero per il momento, il gruppo concluso, ma la relazione si svilupperà in futuro. In assenza del confronto della Guerra Fredda, le funzioni della NATO “fuori area” dovranno essere ridefinite.

Documento 27

James F. Dobbins, Ufficio europeo del Dipartimento di Stato, Memorandum al Consiglio di sicurezza nazionale: documento di revisione della strategia della NATO per la discussione del 29 ottobre.

25 ottobre 1990

Fonte

Biblioteca presidenziale George HW Bush: NSC Philip Zelikow Files, Box CF01468, Folder “File 148 NATO Strategy Review No. 1 [3] [16]

Questo breve memorandum proviene dall’Ufficio europeo del Dipartimento di Stato come nota di copertura per documenti informativi per un incontro programmato per il 29 ottobre 1990 sulle questioni dell’espansione della NATO e della cooperazione europea in materia di difesa con la NATO. Il più importante è il riassunto del documento del dibattito interno all’amministrazione Bush, principalmente tra il Dipartimento della Difesa (nello specifico l’Ufficio del Segretario alla Difesa, Dick Cheney) e il Dipartimento di Stato. Sulla questione dell’espansione della NATO, P’OSD “desidera lasciare la porta socchiusa” mentre lo Stato “preferisce semplicemente notare che la discussione sull’ampliamento dell’adesione non è all’ordine del giorno … “. L’amministrazione Bush adotta effettivamente il punto di vista dello Stato nelle sue dichiarazioni pubbliche, ma il punto di vista della Difesa prevarrebbe nella prossima amministrazione.

Documento 28

Diario dell’ambasciatore Rodric Braithwaite, 5 marzo 1991 5 marzo 1991

Fonte

Diario personale di Rodric Braithwaite (utilizzato su autorizzazione dell’autore) L’ambasciatore britannico Rodric Braithwaite era presente per una serie di assicurazioni fornite ai leader sovietici nel 1990 e nel 1991 sull’espansione della NATO. Qui, Braithwaite nel suo diario descrive un incontro tra il primo ministro britannico John Major e funzionari militari sovietici, guidati dal ministro della Difesa, il maresciallo Dmitry Yazov. L’incontro ha avuto luogo durante la visita di Major a Mosca e subito dopo il suo faccia a faccia con il presidente Gorbaciov. Durante l’incontro con Major, Gorbaciov aveva espresso le sue preoccupazioni sulle nuove dinamiche della NATO: “Sullo sfondo dei processi favorevoli in Europa, comincio improvvisamente a ricevere informazioni che alcuni ambienti intendono rafforzare ulteriormente la NATO come principale strumento di sicurezza in Europa. In precedenza hanno parlato di cambiare la natura della NATO, sulla trasformazione dei blocchi politico-militari esistenti in strutture e meccanismi di sicurezza paneuropei. E ora improvvisamente di nuovo [si parla di] un ruolo speciale di mantenimento della pace della NATO. Stanno parlando di nuovo della NATO come pietra angolare. Questo non suona complementare alla casa comune europea che abbiamo iniziato a costruire”. Major ha risposto: “Credo che i tuoi pensieri sul ruolo della NATO nella situazione attuale siano il risultato di un malinteso. Non stiamo parlando di rafforzamento della NATO. Stiamo parlando del coordinamento degli sforzi che sta già avvenendo in Europa tra la NATO e l’Unione dell’Europa occidentale, che, come previsto, consentirebbe a tutti i membri della Comunità europea di contribuire a rafforzare la [nostra] sicurezza”.[17] Nell’incontro che seguì con i funzionari militari, il maresciallo Yazov espresse le sue preoccupazioni per l’interesse dei leader dell’Europa orientale per l’adesione alla NATO. Nel diario, Braithwaite scrive: “Major gli assicura che non accadrà nulla del genere”. Anni dopo, citando il verbale di conversazione negli archivi britannici, Braithwaite racconta che Major ha risposto a Yazov che “non prevedeva circostanze né ora né in futuro in cui i paesi dell’Europa orientale sarebbero diventati membri della NATO”, L’ambasciatore Braithwaite cita anche il ministro degli Esteri Douglas Hurd che ha detto al ministro degli Esteri sovietico Alexander Bessmertnykh il 26 marzo 1991, “non ci sono piani nella NATO per includere i paesi dell’Europa centrale e orientale nella NATO in una forma o nell’altra”. [18]

Documento 29

Paul Wolfowitz Memorandum di conversazione con Vaclav Havel e Lubos Dobrovsky a Praga.

27 aprile 1991

Fonte

Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, versione FOIA 2016, Archivio della sicurezza nazionale FOIA 20120941DOD109

Questi memcon dell’aprile 1991 forniscono i reggilibri per “l’educazione di Vaclav Havel” sulla NATO (vedi documenti 12-1 e 12-2 sopra). Il sottosegretario alla Difesa degli Stati Uniti per la politica Paul Wolfowitz ha incluso questi memcon nel suo rapporto all’NSC e al Dipartimento di Stato sulla sua partecipazione a una conferenza a Praga su “The Future of European Security”, il 24-27 aprile 1991. Durante la conferenza Wolfowitz ha avuto incontri separati con Havel e il ministro della Difesa Dobrovsky. Nella conversazione con Havel, Wolfowitz lo ringrazia per le sue dichiarazioni sull’importanza delle truppe NATO e statunitensi in Europa. Havel lo informa che l’ambasciatore sovietico Kvitsinsky era a Praga per negoziare un accordo bilaterale e che i sovietici volevano che l’accordo includesse una disposizione secondo cui la Cecoslovacchia non si sarebbe unita ad alleanze ostili all’URSS. Wolfowitz consiglia sia a Havel che a Dobrovsky di non stipulare tali accordi e di ricordare ai sovietici le disposizioni dell’Atto finale di Helsinki che postulano la libertà di aderire ad alleanze di loro scelta. Havel afferma che per la Cecoslovacchia nei prossimi 10 anni ciò significa NATO e Unione Europea.

In una conversazione con Dobrovsky, Wolfowitz osserva che “l’esistenza stessa della NATO era in dubbio un anno fa”, ma con la leadership degli Stati Uniti e il sostegno degli alleati della NATO (così come della Germania unita), la sua importanza per l’Europa è ora compresa e le dichiarazioni dei leader dell’Europa orientale erano importanti a questo riguardo. Dobrovsky descrive candidamente il cambiamento nella posizione della leadership cecoslovacca, “che aveva rivisto radicalmente le sue opinioni. All’inizio, il presidente Havel aveva sollecitato lo scioglimento sia del Patto di Varsavia che della NATO”, ma poi ha concluso che la NATO dovrebbe essere mantenuta. “Non verbale”, dice Dobrovsky, “la CSFR è stata attratta dalla NATO perché assicurava la presenza degli Stati Uniti in Europa”.

Documento 30

Memorandum a Boris Eltsin della delegazione russa del Soviet supremo ai quartier generali della NATO

1° luglio 1991

Fonte

Archivio di Stato della Federazione Russa (GARF), Fond 10026, Opis 1

Questo documento è importante per descrivere il chiaro messaggio del 1991 dai più alti livelli della NATO – Segretario Generale Manfred Woerner – che l’espansione della NATO non stava avvenendo. Il pubblico era una delegazione del Soviet supremo russo, che in questo memorandum riferiva a Boris Eltsin (che a giugno era stato eletto presidente della repubblica russa, la più grande dell’Unione Sovietica), ma senza dubbio Gorbaciov e i suoi aiutanti stavano ascoltando lo stesso con certezza in quel momento. L’emergente establishment della sicurezza russo era già preoccupato per la possibilità di espansione della NATO, quindi nel giugno 1991 questa delegazione ha visitato Bruxelles per incontrare la leadership della NATO, ascoltare le loro opinioni sul futuro della NATO e condividere le preoccupazioni russe. Woerner aveva tenuto un discorso molto apprezzato a Bruxelles nel maggio 1990 in cui sosteneva: “Il compito principale del prossimo decennio sarà costruire una nuova struttura di sicurezza europea, che includa l’Unione Sovietica e le nazioni del Patto di Varsavia. L’Unione Sovietica avrà un ruolo importante da svolgere nella costruzione di un tale sistema. Se si considera l’attuale difficile situazione dell’Unione Sovietica, che praticamente non ha più alleati, allora si può capire il suo legittimo desiderio di non essere costretta a lasciare l’Europa”.

Ora, a metà del 1991, Woerner risponde ai russi affermando che lui personalmente e il Consiglio della NATO sono entrambi contrari all’espansione “13 membri della NATO su 16 condividono questo punto di vista” e che parlerà contro l’adesione di Polonia e Romania alla La NATO ai leader di quei paesi come ha già fatto con i leader di Ungheria e Cecoslovacchia. Woerner sottolinea che “Non dovremmo permettere […] l’isolamento dell’URSS dalla comunità europea”. La delegazione russa ha avvertito che qualsiasi rafforzamento o espansione della NATO potrebbe “rallentare seriamente le trasformazioni democratiche” in Russia e ha invitato i propri interlocutori della NATO a diminuire gradualmente le funzioni militari dell’alleanza.

APPUNTI

[1] Cfr. Robert Gates, Università della Virginia, Miller Center Oral History, George HW Bush Presidency, 24 luglio 2000, p. 101)

[2] Cfr. capitolo 6, “The Malta Summit 1989“, in Svetlana Savranskaya e Thomas Blanton, The Last Superpower Summits (CEU Press, 2016), pp. 481- 569. Il commento al Muro è a p. 538.

[3] Per lo sfondo, il contesto e le conseguenze del discorso di Tutzing, vedere Frank Elbe, “The Diplomatic Path to Germany Unity”, Bulletin of the German Historical lnstitute 46 (Primavera 201 O), pp. 33-46. Elba era il capo di stato maggiore di Genscher all’epoca.

[4] Si veda Mark Kramer, “The Myth of a No-NATO-Enlargement Pledge to Russia,” The Washington Quarterly , aprile 2009, pp. 39-61.

[5] Cfr. Joshua R. ltkowitz Shifrinson, “Deal or No Deal? La fine della guerra fredda e l’offerta degli Stati Uniti di limitare l’espansione della NATO”, International Security , primavera 2016, voi. 40, n. 4, pp. 7-44.

[6] Cfr. James Goldgeier, Non se ma quando: la decisione degli Stati Uniti di allargare la NATO (Brookings lnstitution Press, 1999); e James Goldgeier, “Promesse fatte, promesse non mantenute? Cosa è stato detto a Eltsin sulla NATO nel 1993 e perché è importante”, War On The Rocks, 12 luglio 2016.

[7] Si veda anche Svetlana Savranskaya, Thomas Blanton e Vladislav Zubok, “Masterpieces of History”: The Peaceful End of the Cold War in Europe, 1989 (CEU Press, 201 O), per approfondite discussioni e documenti sull’unificazione tedesca all’inizio del 1990 negoziati.

[8] Genscher disse a Baker il 2 febbraio 1990 che, in base al suo piano, “la NATO non estenderebbe la sua copertura territoriale all’area della DDR né in nessun altro posto nell’Europa orientale”. Segretario di Stato dell’Ambasciata degli Stati Uniti a Bonn, “Baker-Genscher Meeting February 2”, Biblioteca presidenziale George HW Bush, NSC Kanter Files, Box CF00775, Folder “Germany-March 1990”. Citato da Joshua R. Itkowitz Shifrinson, “Deal or No Deal? La fine della guerra fredda e l’offerta degli Stati Uniti di limitare l’espansione della NATO”, International Security , primavera 2016, voi. 40, n. 4, pp. 7-44.

[9] La versione precedente di questo testo affermava che Kohl era “preso in uno scandalo di corruzione nel finanziamento della campagna elettorale che avrebbe posto fine alla sua carriera politica”; tuttavia, quello scandalo non è scoppiato fino al 1999, dopo che le elezioni del settembre 1998 hanno spazzato via Kohl dall’incarico. Gli autori sono grati al Prof. Dr. HH Jansen per la correzione e la sua attenta lettura del messaggio.

[10] Cfr. Andrei Grachev, Gorbachev’s Gamble (Cambridge, Regno Unito: Polity Press, 2008), pp. 157-158.

[11] Per un resoconto approfondito degli sforzi educativi altamente efficaci di Bush con i leader dell’Europa orientale tra cui Havel – così come alleati – vedere Jeffrey A. Engel, When the World Seemed New: George HW Bush and the End of the Cold War (Houghton Mifflin Harcourt, 2017), pp. 353-359.

[12] Cfr. George HW Bush e Brent Scowcroft, A World Transformed (New York:

Knopf, 1998), pp. 236, 243, 250.

[13] Pubblicato per la prima volta in inglese su Savranskaya e Blanton, The Last Superpower Summits (2016), pp. 664-676.

[14] Diario di Anatoly Chernyaev, 1990, tradotto da Anna Melyakova e curato da Svetlana Savranskaya, pp. 41-42.

[15] Cfr. Michael Nelson e Barbara A. Perry, 41: Inside the Presidency of George HW Bush (Cornell University Press, 2014), pp. 94-95.

[16] Gli autori ringraziano Josh Shifrinson per aver fornito la sua copia di questo documento.

[17] Cfr. Memorandum of Conversation between Mikhail Gorbachev and John Major pubblicato in Mikhail Gorbachev, Sobranie Sochinenii, v. 24 (Mosca: Ves Mir, 2014), p. 346

[18] Cfr. Rodric Braithwaite, “L’allargamento della NATO: assicurazioni e incomprensioni”, Consiglio europeo per le relazioni

Vittorio Alberto Dublino

Giornalista Pubblicista, Educatore Socio-Pedagogico (legge lori). Lavoro nella comunicazione di marketing da trent’anni e da dieci sono anche un produttore cinematografico, candidato più volte ai David di Donatello, vincendo la prima statuetta premio nel 2011. Sono un membro della giuria dell’Accademia del Cinema Italiano e sono impegnato nel terzo settore da venticinque anni elaborando progetti per il sociale in collaborazione con Istituzioni ed Università.

Come potrei definirmi? Innovation Manager, Provocatore Culturale oppure un Motivational (Life) Coach: decidete voi. Ho messo in piedi questo blog come Attivista di Conoscenza per argomenti che afferiscono alle Scienze cognitive; ai problemi sociali causati dal Divario Digitale Culturale nella Società dell’Informazione; all’Innovazione sociale e il Change management e, infine, alla comunicazione di marketing 3.0

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...