Effetto Serra

Chi parla di effetto serra dovrebbe almeno conoscere il suo funzionamento. E ciò vale ancor di più per coloro che conferiscono agli altri i vari premi nobel. Invece la superstizione dell’effetto serra fa dire agli ignoranti (sedicenti scienziati e conferitori di premi nobel compresi) che se l’anidride carbonica sale, essendo un gas serra, allora sale la temperatura. Ma è vero il contrario.

non-c-e-piu-il-clima-mesozoico-di-una-volta

L’effetto serra funziona così: il Sole manda il suo calore verso la Terra. Se non fosse per i gas serra questa radiazione solare rimbalzerebbe verso lo spazio, lasciando il pianeta freddo e inabitabile. I gas serra intrappolano il calore sfuggente nella Troposfera terrestre a pochi km al di sopra della superficie (il massimo di riscaldamento sull’equatore dovrebbe per esempio aver luogo ad un’altitudine di circa 10 km). Ed è proprio lì che, secondo i modelli climatici, il tasso di riscaldamento dovrebbe essere più alto se causato dai gas serra. Così, se la superficie della Terra si scalda, dovrebbe risultare che l’atmosfera dovrebbe subito riscaldarsi. Invece dalle osservazioni fatte coi satelliti e i palloni sonda, ciò NON risulta, e questo contraddice la teoria di quei modelli, perché risulta che le temperature sulla superficie sono maggiori di quelle in alto. Quindi l’ipotesi del riscaldamento globale causato dall’uomo è smentita dalle prove. E questa è una sola smentita.
Ma ve ne sono altre. Un’ulteriore prova è data dal fatto che il top del riscaldamento comparve all’iniziono del 20° secolo per lo più sulla sola superficie terrestre. Ed anche questo è l’esatto opposto di ciò che dovrebbe accadere secondo i modelli teorici del riscaldamento globale causato dall’uomo.
Un’altra prova è data dai risultati osservazionali della storia del clima a partire da milioni di anni fa. Si procede per esempio con campioni di ghiaccio ricostruendo la temperatura con degli isotopi e poi si libera l’atmosfera imprigionata nel ghiaccio per misurarne il contenuto di CO². Certo, è vero che le registrazioni fatte dai campioni di ghiaccio mostrano la temperatura salire da tempi remoti fino a tempi recenti. Ma ciò che conta è che quando si esce da una glaciazione, prima si vede salire la temperatura e poi il CO² salire con un ritardo di 800 anni. Pertanto se il CO² si manifesta con secoli di ritardo non è sincronico come ad esempio lo è il tuono che si crede successivo al lampo. E in ogni caso il CO² non può essere la causa di quel riscaldamento ma l’effetto del riscaldamento. Questo per sottolineare che il detto: “se l’anidride carbonica sale, essendo un gas serra, allora la temperatura va su” è, almeno per me, analfabetismo scientifico: i dati dei campioni di ghiaccio mostrano esattamente l’inverso. Quindi le fondamenta stesse della teoria del cambiamento climatico causato dall’uomo si dimostrano errate.
Oltretutto, gli ignorantoni che predicano l’effetto serra dovrebbero imparare almeno le percentuali dei vari gas che lo compongono per rendersi conto dell’infimo contributo umano nella loro composizione. Se si prende il CO² come percentuale di tutti i gas nell’atmosfera (ossigeno, azoto, argo, ecc.), questa percentuale va dallo 0.04% allo 0.05, dunque una porzione infinitesimale. Da questa infinitesimale porzione si deve prendere la parte che si suppone aggiunta dall’uomo, che è al centro della preoccupazione di chi attribuisce all’uomo il riscaldamento globale. Per esempio, l’aumento effettivo annuale dell’anidride carbonica attribuito all’uomo è mediamente dello 0,45%. Invece, sempre per fare un altro esempio, il gas serra principale, cioè il vapore acqueo, costituisce il 95% di tutti i gas serra.
Oramai queste cose, le sanno anche i ratti, eppure l’UE sta abbondandemente finanziando gli impianti eolici e fotovoltaici. Proprio qui sta l’alienazione essenziale che i governi europei stanno attuando a spese del contribuente ignaro. La semplicistica soluzione che questi geni hanno trovato è però peggiore del male, dato che la cura é peggiore di migliaia di bombe nucleari lanciate sul pianeta, perché, già a partire dai bombardamenti del Cern nel sottosuolo di Ginevra e del Gran Sasso, essa è già in grado di distruggere tutta la storia umana, se portata avanti come oggi avviene solo per pagare gli scienziati di regime!